Influenza aviaria: norme cautelative per allevatori e detentori

Pubblicato il 30 novembre 2021 • Salute

Il 17 novembre 2021, Regione Lombardia ha comunicato che è stata riscontrata la presenza di un focolaio di virus influenza H5N1 (influenza aviaria) ad alta patogenicità (HPAI) in un allevamento di tacchini in provincia di Brescia.

In data 22 novembre 2021, il Ministero della Salute, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, ha disposto la costituzione di una Zona di Ulteriore Restrizione (ZUR) in alcuni Comuni delle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova, nonché di alcune province venete.

Nella ZUR, accanto a norme di profilassi veterinaria e disposizioni venatorie, ai sensi dell’Accordo Stato Regioni 125 del 25 luglio 2019, vengono stabilite le seguenti norme di interesse per i Comuni:
•    il pollame e i volatili in cattività presenti negli allevamenti all’aperto devono essere detenuti al chiuso
•    sono vietate fiere, esposizioni, mostre e mercati di pollame e uccelli domestici.

L’elenco dei Comuni compresi nella ZUR è riportato in calce alla disposizione ministeriale che viene allegata.

Min Salute - influenza aviaria
Allegato formato pdf
Scarica